Category: Attività presso Istituzioni

Raccontare libri e carte – Laboratori

Raccontare libri e carte – Laboratori

Treviso, Fondazione Benetton Studi Ricerche
A.s. 2019-20

Il centro documentazione, progettato a partire dalle esigenze di studio e ricerca legate al lavoro scientifico della Fondazione, si è aperto nel corso degli anni al territorio e ha raccolto testimonianze di vita e di storia locale, e non solo. La proposta di quest’anno  si articola in quattro laboratori, realizzati con i fondi librari e archivistici del pittore e incisore Lino Bianchi Barriviera (Montebelluna 1906-Acilia 1985) e dello scrittore e docente Enzo Demattè (Trento 1927-Treviso 2014).

I materiali utilizzati saranno: documenti, lettere, opuscoli, libri, fotografie e oggetti, tutti rigorosamente originali. I laboratori vogliono essere perciò un punto d’incontro tra la scuola e il mondo della cultura e dei professionisti dei beni culturali, un vero spaccato sulla quotidianità di un settore che va valorizzato e comunicato nella sua bellezza e attualità.

Viaggio in Africa nel ’900 tra storia e arte
Ripercorrere il viaggio dell’artista, fino alle chiese monolitiche di Lalibelà, attraverso i documenti originali di un archivio di persona. Materiali da vedere e da toccare per entrare,  in punta di piedi, nella sua vita e nel suo lavoro, comprendere e apprezzare l’importanza, ma anche la bellezza, di una fonte storica e di documenti del secolo passato che ci parlano anche del presente. Un’esperienza che, grazie ad un lavoro di cooperazione e sperimentazione di metodologie di ricerca del passato e di didattica contemporanea, ci farà viaggiare, quasi con una macchina del tempo, in un mondo testimone di grandi cambiamenti

Per la scuola secondaria di primo e secondo grado
Laboratorio ingresso 5€ (durata 3h).

La macchina fotografica del passato: disegnare a china
Scoprire un artista, sperimentare una delle sue arti entrando nel suo patrimonio archivistico e artistico, è l’esperienza che viene offerta ai ragazzi che vorranno ammirare, toccare con mano e cimentarsi nell’arte del disegno a china. La china, mezzo principe per documentare viaggi e luoghi, ha rivestito un ruolo fondamentale sino all’avvento e alla diffusione delle tecnologie moderne. Le penne a sfera e la macchina fotografica ne sono due esempi. Lo scrivere presupponeva conoscenza, abilità e pazienza, lo stesso valeva per il disegnare. I ragazzi rivivranno l’esperienza di chi, con pochi tratti, ci fa ancora sognare e desiderare luoghi lontani, e proveranno a ripercorrere i suoi gesti.

Per la scuola secondaria di primo e secondo grado
Laboratorio disegno a china: ingresso 4€ (durata 90’).
Conoscenza del fondo archivistico e laboratorio disegno a china: ingresso 5€ (durata 3h).

Metto via la parola
Immersi in un’atmosfera magica ricreata attraverso la proiezione di immagini del monte Pelmo nel suo mutare di luce e di colore nel corso delle stagioni, i bambini rivivranno l’avventura di Betta Popa, del professore  e di tutti i personaggi che incontreranno nella loro scoperta della verità. Sarà Betta a condurre in quell’affascinante mondo che ha caratterizzato la vita di chi ha popolato e amato le nostre montagne descritte con eleganza e dovizia di particolari. La cura con cui Betta mette via le parole e il suo vivere fatto di baratto e passeggiate all’aperto tra le valli, non sempre prive di insidie, la scoperta della città, dei cittadini e dei problemi di quella dimenticata valle vengono portati alla ribalta attraverso gli occhi di questa bambina che mostra al professore una visione lontana dai soliti luoghi comuni. I bambini saranno chiamati a realizzare, attraverso carte colorate e creatività, un piccolo libro che descrive quelle montagne per fargliele scoprire in tutto il loro fascino mettendo via una parola dopo l’altra.
Laboratorio di promozione della lettura ideato a partire da Enzo Demattè, Gente di confine (Mursia Milano, 1972)

Per il secondo ciclo della scuola primaria
Ingresso 3€ (durata 60’)

Caccia alla valle e alla mappa segreta…
Una caccia al mistero. Attraverso la lettura e la comparazione di carte topografiche storiche e moderne e la lettura di brani che descrivono quei luoghi montani nella loro bellezza fin quasi a poterli rappresentare in un dipinto, i ragazzi realizzeranno una piccola brochure cartografica attraverso la compilazione della quale dovranno scoprire in quale vallata dolomitica il professor Bassanelli, illustre geografo milanese, e la piccola Betta aiutano gli abitanti a svelare un mistero per realizzare il sogno di una vita migliore. Saranno le parole, che andranno a corredare il materiale di ricerca, quelle che descrivono un tempo passato e quelle tipiche del linguaggio geografico, a fornire la giusta direzione. Il mistero più grande si nasconde proprio tra ciò che è stato e non è stato riportato su una ricercatissima mappa scomparsa anni or sono e che sarà la chiave di volta di tutta la narrazione.
Laboratorio di promozione della lettura e di ricerca topografica ideato a partire da Enzo Demattè, Gente di confine (Mursia Milano, 1972)

Per la scuola secondaria di primo grado 
Ingresso 4€ (durata 90’)

http://www.fbsr.it/scuola/

2019-20 Proposte scuola FBSR e Il Senso delle Arti

Tempo Scuola Integrato

Tempo Scuola Integrato

Istituto Comprensivo di Casale sul Sile
A.s. 2019-20

La Convenzione tra l’Istituto Comprensivo di Casale sul Sile, l’Amministrazione Comunale, l’Associazione Comitato Genitori dell’I.C. di Casale sul Sile e l’Associazione Culturale Il Senso delle Arti ha portato alla creazione del progetto Tempo Scuola Integrato presso le scuole “G. Berto” di Conscio  e “M. Polo” di Lughignano di Casale sul Sile (TV), nei giorni di martedì a Lughignano e giovedì e venerdì a Conscio. Il progetto prevede il servizio mensa, l’assistenza allo studio e la possibilità di svolgere attività didattiche pomeridiane come informatica, musica, educazione motoria, laboratori artistico-letterari, inglese. Nel caso della scuola Berto le attività didattiche vedono la presenza in veste di “peer tutor” dei ragazzi frequentati le scuole secondarie di secondo grado che dopo una piccola formazione specifica su elementi di pedagogia, psicologia e metodologia didattica hanno la possibilità di mettersi alla prova come “insegnanti”, coordinati dal presidente dell’Associazione Culturale Il Senso delle Arti.

Information Literacy

Information Literacy

Quando la biblioteca diventa un’opportunità

Essere information literate indica chi ha imparato a documentarsi sapendo individuare a quale tipologia di documenti riferirsi in base agli obbiettivi che ci poniamo.
Insegnare a bambini della scuola primaria e ai ragazzi della scuola secondaria di primo grado quali sono le fonti sicure, la loro autorevolezza, il corretto processo di ricerca, la miglior strutturazione della stessa in base ai propri obbiettivi e quelli dati dall’insegnante e la veste grafica più adatta, sono alcuni degli obbiettivi di questo progetto.

Luogo principe per vivere questa esperienza è la biblioteca, di pubblica lettura, storica, di conservazione…un luogo dove le fonti documentarie sono a portata di mano. Toccare la pagina di un vecchio libro, sentire l’odore della carta d’altri tempi, arrampicarsi per raggiungere lo scaffale più in alto e scoprire che l’oggetto del desiderio è pesantissimo ma meraviglioso, farci trasportare in mondi passati da mettere in relazione con quelli contemporanei, vivere un’esperienza sensoriale a trecentosessanta gradi.

Vedere nel volto e negli occhi di bambini e ragazzi accendersi la curiosità, il sorriso, la gioia di aver scoperto che un luogo a loro caro come magari la loro biblioteca di pubblica lettura può realizzare i loro desideri, è davvero entusiasmante!

Tutto questo è stato vissuto in un laboratorio didattico della durata di un’ora dai bambini e ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Casier (TV) presso la loro biblioteca di pubblica lettura che stanno continuando a frequentare con sempre maggiore assiduità.

 

Biennale d’Arte del Bambino

Biennale d’Arte del Bambino

Progetto RossoGialloBlu

I colori primari: rosso, giallo e blu, ma sono uno o tanti? Come influisce la luce sul colore? Come ci si approccia ad ogni tecnica? Quali sono i supporti ideali per ognuna di esse? E come influiscono i colori sulle nostre emozioni?

Queste sono alcune delle domande ai cui cercheremo di dare risposta con questo percorso sul colore e su tutto ciò che da esso scaturisce.

La musica, nostro corpo, la fantasia, le sensazioni e molti oggetti di uso comune assieme a tutto quanto detto prima saranno gli ingredienti ideali per vivere al meglio questo percorso che porterà i bambini a raccontare e a raccontarsi attraverso i colori e l’arte.

I primi tre incontri verteranno ognuno singolarmente sui colori primari, il rosso, il giallo e il blu in sequenza, per poi iniziare a sviluppare in un quarto incontro il percorso  scelto dall’insegnante a seconda delle  proprie esigenze e nelle direzioni più diverse: l’arte, la creazione di una storia, un percorso sensoriale, solo per citare alcuni esempi. Percorso che potrà poi essere portato avanti dall’insegnante in autonomia oppure sviluppato da noi. Alla fine le opere prodotte potranno partecipare alla Biennale del Bambino di Treviso edizione 2018-2019.

BIBLIOTUBE. Come diventare youtubers e non solo

BIBLIOTUBE. Come diventare youtubers e non solo

Casier, Biblioteca Comunale
dall’11 al 15 Giugno 2018 dalle 9.00 alle 12.30

In Bibliotube, i ragazzi delle scuole MEDIE e SUPERIORI saranno i veri protagonisti nella realizzazione di una loro idea che vede la comunicazione, in tutte le sue forme, come protagonista.

La biblioteca sarà il luogo di incontro, in quanto dotata di tutto la strumentazione necessaria, il know how e la possibilità di accesso alle fonti necessarie alla realizzazione di questa esperienza.

Cosa sono capaci di fare i giovani d’oggi? Comunicare, comunicare attraverso vari linguaggi tecnologici o meno. Diamo, allora, spazio alla loro arte, alla loro sensibilità, alla loro sensorialità. Lasciamo che siano loro ad insegnarci fino in fondo come comunicano e cosa comunicano.

Verranno loro fornite in maniera intelligente e divertente le competenze necessarie per poter sviluppare al meglio le loro idee, valorizzando le loro abilità personali e dando loro la possibilità di confrontarsi con dei professionisti del mestiere. Metteranno in pratica uno dei principi fondamentali legati all’apprendimento per competenze del Parlamento europeo, quello di  “Sapere, saper fare, saper essere”.

 

Locandina

ARTISTI PER UN GIORNO

ARTISTI PER UN GIORNO

LABORATORI CREATIVI DI PITTURA E SCULTURA

VISITA DIDATTICO-SENSORIALE AL MUSEO BAILO

Bruno Munari ci ha insegnato che è macchinoso ed inutile “spiegare” l’arte ai bambini: capire come si fa è per loro un processo intuitivo, spontaneo e giocoso. Basta offrire i giusti strumenti e qualche minima indicazione di metodo.

Basandoci sulle collezioni esposte nel rinnovato Museo Bailo, proponiamo due differenti laboratori in aula in cui bambini e ragazzi approcciano la pittura o la scultura, “sporcandosi le mani” e sperimentando le differenti tecniche pittoriche piuttosto che la modellazione di un oggetto in creta e la texturizzazione della sua superficie.

Al laboratorio scelto può seguire la visita didattica alle collezioni museali, soffermandosi su opere accuratamente selezionate a seconda dell’età dei partecipanti e dedicando particolare attenzione soprattutto ai valori tattili e di superfice.

Il nostro approccio privilegia la comprensione del come è fatto, senza però tralasciare le fondamentali informazioni storiche e di contenuto.

Maggiori informazioni su questa attività? Contattaci

ALLA SCOPERTA DELL’ACQUERELLO

ALLA SCOPERTA DELL’ACQUERELLO

ALLA SCOPERTA DI UN'AFFASCINANTE TECNICA ARTISTICA

L’acquerello viene spesso proposto come alternativa alla tempera, ma in modo improprio e limitato. Conoscere questa tecnica artistica nelle sue caratteristiche fondamentali, utilizzando i giusti supporti e strumenti, porta a risultati sorprendenti.

Proponiamo per la Scuola Primaria un ciclo di tre laboratori nel corso dei quali, in modo graduale e guidato, i partecipanti sperimentano il colore, i diversi tipi di carta, l’acqua come alleata e nemica. Non sono necessarie particolari capacità nel disegno o conoscenze pregresse: ogni lezione è strutturata in modo che tutti possano raggiungere un risultato apprezzabile.

A conclusione del percorso si realizza una tavola su un tema a scelta (o suggerito dagli Insegnanti) applicando le tecniche più idonee per ottenere i differenti effetti pittorici.

Maggiori informazioni su questa attività? Contattaci

LABORATORI DIDATTICI SU VIGNETTA E FUMETTO

LABORATORI DIDATTICI SU VIGNETTA E FUMETTO

LA CREATIVITA' INCONTRA L'ARTE DEL FUMETTO

Quando vignettisti di fama nazionale ed internazionale affrontano argomenti scottanti come il sistema di istruzione italiano e le tematiche energetiche, gli “sguardi” umoristici si scatenano, si affinano, diventano graffianti, addirittura taglienti. E ci siamo chiesti: se gli adolescenti potessero esprimersi con lo stesso linguaggio e con la stessa libertà, che cosa ci racconterebbero?

Nell’autunno 2016, in occasione di due esposizioni dedicate alla vignetta umoristica (La settimana di Bort e Umoristica Scholastica a Salzano – VE e Umoristica Energetica a Mogliano Veneto – TV), abbiamo progettato e proposto laboratori grafici in cui, con semplici strumenti e minimi input, era possibile – ed alla portata di tutti – dare forma ad un concetto, dal proprio punto di vista. Nessuna importanza al risultato estetico, massima libertà di espressione utilizzando il linguaggio della vignetta umoristica: poche parole, immagini immediate e qualche effetto sonoro e visivo.

Anche al di fuori del contesto espositivo, possiamo proporre un’attività di laboratorio vivace e coinvolgente dedicata ai ragazzi della Scuola Secondaria di I grado: chiamati a lavorare come veri grafici, compongono una tavola originale e la trasformano in un’immagine digitale utilizzando la fotocamera del loro smartphone. Dal punto di vista didattico, oltre ad approfondire una tematica specifica, i partecipanti acquisiscono le principali nozioni riguardo alle tecniche di illustrazione e di fotografia digitale, sono stimolati a lavorare in gruppo e a concretizzare un’idea.

Maggiori informazioni su questa attività? Contattaci

PERCORSI DIDATTICO-SENSORIALI PER LA SCUOLA DELL’INFANZIA E LA SCUOLA PRIMARIA

PERCORSI DIDATTICO-SENSORIALI PER LA SCUOLA DELL’INFANZIA E LA SCUOLA PRIMARIA

PERCORSI TATTILI, GIOCHI EURISTICI, SCIENTIFICI, SONORI E ARTISTICO-CREATIVI

PER LA SCUOLA DELL'INFANZIA E LA SCUOLA PRIMARIA

Progettiamo e realizziamo percorsi didattico-sensoriali su richiesta per la Scuola dell’Infanzia e la Scuola Primaria, con singole sessioni di lavoro calibrate sull’età e lo sviluppo cognitivo dei partecipanti, mirate a sviluppare la manualità e il senso del tatto, l’udito e l’olfatto, ma anche a stimolare la loro curiosità e la capacità di attenzione.

L’esperienza didattica deve essere anche ludica, far divertire bambini e ragazzi sperimentando materiali nuovi o utilizzando in modo improprio oggetti molto comuni, riciclati, presenti in tutte le nostre case. Giochi euristici e scientifici, percorsi tattili per mani e piedi, giochi di riconoscimento degli odori, manipolazione con l’argilla e la pasta del pane, costruzione di semplici strumenti musicali… Ogni attività viene ripensata e progettata “su misura” per inserirsi all’interno di un percorso scolastico e considerando sempre le esigenze specifiche emergenti nelle singole realtà.

In ogni percorso inseriamo attività che incoraggino bambini e ragazzi ad usare tutti e cinque i sensi. La conoscenza del mondo circostante passa prima di tutto attraverso le percezioni, e in un mondo che privilegia sempre più gli stimoli visivi diventa di fondamentale importanza “allenare” la loro capacità di raccogliere percezioni, distinguerle e catalogarle.

Maggiori informazioni su questa attività? Contattaci